X

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. X

NEWSLETTER

PRIVACY

5x1000

Immagine Un arrivederci che scalda il cuore

06GEN16

LE STORIE DI STRADA

Un arrivederci che scalda il cuore

Un nostro volontario ha dovuto sospendere la propria attività e ha scritto una lettera a tutto il gruppo. Ci piace condividerla perché, senza volerlo, ha scritto quello che crediamo essere uno spot per chi vuole fare volontariato con noi.

In ogni caso, ringraziamo tantissimo l’autore per tutto l’impegno che ha sempre messo e speriamo di riaverlo quanto prima tra noi!

 

Ciao a tutti,

scrivo per salutarvi.

Purtroppo per motivi personali ho deciso di non seguitare a far parte della forza attiva di Ronda, ma vorrei rimanere almeno come sostenitore.

Anche se spero che questo sia un arrivederci, ci tengo ugualmente  a congedarmi perché non riesco a dare la continuità, la determinazione e l'abnegazione che la vocazione di volontario impongono.

Non mi illudo che in poche righe si possano tradurre tante emozioni, sguardi, sorrisi e belle parole che ho provato e ricevuto. Sicuramente  molti di più, infinitamente, di quelli che ho dato.

Ringrazio tutti per il calore umano che mi ha pervaso e anche per la pazienza che molti di voi hanno avuto con me.

Ricordo la mia prima sera: mi accolse Amalia, mentre preparava il cibo per il giro....era come far da mangiare con la propria mamma......la mia prima uscita, il mercoledì, con Marco.....il suo benvenuto e il suo sorriso avrebbero fatto sentire a casa chiunque. Saluti a tutti e grazie per ciò che ho ricevuto nell’associazione: accoglienza, affetto e umanità....credo che si possa riassumere in ......far parte di una famiglia!

Grazie a tutti.....a Magda che mi permesso di conoscere voi e le tante persone "che vivono con il soffitto di casa fatto di stelle".... condizione a me idealmente e mentalmente vicina. Mi sento un po' la versione sgrammaticata di De Amicis  a seguitare a scrivere così e allora concludo.

Il vostro sorriso è contagioso. Ben felice di averlo presente sempre dentro di me.